ddefalco
Questo è un forum di discussione e non un sistema di messaggistica, in particolare con me.
Ciò vuol dire che ognuno che vi partecipa contribuisce alla discussione di un argomento (topic) cercando di risolvere i problemi che si pongono, con un intervento (post) che viene messo a disposizione di tutti: va pertanto inteso come un dibattito tra tutti nel quale gli interventi (e non le persone), hanno lo stesso peso.
Certamente non è una comunicazione ‘peer to peer’ con me (per fare questo esiste il ricevimento in stanza, l’email, la chat…) né tantomeno dev’essere un’esibizione del proprio sapere o non sapere (esame).

Pertanto bandiamo frasi del tipo “Ci scusiamo per eventuali errori”, “accettiamo consigli per eventuali correzioni”, peggio ancora “domanda per il professore”, …, e pensiamo sempre al “sodo”.
Concediamo alla forma, tutt’al più qualche volta, un saluto.
Domenico de Falco.

ddefalco

ING - IND 13 : DDEFALCO's Forum
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista utentiGruppiRegistrarsiAccedi
Ultimi argomenti
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata

Condividere | 
 

 equazioni di vincolo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
francescodig



Numero di messaggi : 3
Località : giugliano in campania
NomeCognome : Francesco Di Girolamo
Data d'iscrizione : 18.02.09

MessaggioOggetto: equazioni di vincolo   Gio Feb 19, 2009 5:07 pm

per il corretto studio di sistemi dinamici è bene impostare le equazioni di vincolo in maniera tale che queste verifichino le seguenti condizioni:
1) siano sufficienti Very Happy ;
2) possono eseere sovrabbondanti Very Happy ;
3) siano consistenti Question

il quesito che mi pongo e vi pongo è il seguente: quand'è che un sistema di equazioni di vincolo può essere ritenuto consistente?
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
francescodig



Numero di messaggi : 3
Località : giugliano in campania
NomeCognome : Francesco Di Girolamo
Data d'iscrizione : 18.02.09

MessaggioOggetto: Re: equazioni di vincolo   Gio Feb 19, 2009 5:47 pm

io credo che affinchè il sistema di equa. sia consistente deve essere tale da garantire il soddisfacimento di ognuna di esse per ogni generica configurazione del mio sistema nel proprio spazio di configurazione.
faccio un esempio:
se abbiamo scritto un sistema di "N" equazioni di vincolo, affinchè il sistemi risulti essere "consistente", bisogna verificare che il soddisfacimento di una delle "N" equazioni sia tale da garantire il soddisfacimento anche delle altre "N-1" equazioni.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
ddefalco
Admin
avatar

Numero di messaggi : 171
Località : Napoli
Corso di appartenenza : Meccanica Applicata alle Macchine
NomeCognome : Domenico de Falco
Data d'iscrizione : 29.12.08

MessaggioOggetto: Re: equazioni di vincolo   Ven Feb 20, 2009 10:20 pm

attenzione Question : dire che il sistema di equaz. di vincolo dev'essere consistente, vuol dire che il soddisfacimento di un'equazione non deve comportare la violazione di un'altra. Ad esempio, le 2 coordinate , non possono soddisfare le equazioni di vincolo

in campo reale. Per vedere la soluzione [cliccare qui].
La condizione di consistenza dei vincoli è .
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
francescodig



Numero di messaggi : 3
Località : giugliano in campania
NomeCognome : Francesco Di Girolamo
Data d'iscrizione : 18.02.09

MessaggioOggetto: Re: equazioni di vincolo   Ven Feb 27, 2009 8:53 pm

si sa che i vincoli vengono imposti mediante delle equazioni di vincolo, ed in particolare esse sono delle condizioni imposte sul nostro (sistema) mediante delle relazioni tra le coordinate del sistema, tra le velocità del sistema, ecc.
inoltre la differenziazione sulla tipologia del vincolo viene fatta mediante due famiglie di vincoli che come sappiamo sono: vincoli OLONOMI ( vincoli che nella propria espressione analitica non presentano derivate delle coordinate rispetto al tempo); vincoli NON OLONOMI ( vincoli che nella propria espressione analitica oltre a presentare relazioni tra le coordinate del sistema, presentano anche relazioni tra le velocità del sistema).
bisogna anche notare poi che tra i vincoli che coinvolgono le velocità ce ne sono alcuni che possono essere ricondotti a vincoli olonomi. Mi spiego meglio : prima di parlare di vincoli NON OLONOMI sarebbe corretto parlare dei vincoli " differenziali", cioè di vincoli che legano le coordinate e le loro derivate, a loro volta i vincoli di tipo " differenziali" possono essere poi particolarizzati in :
- ricondotti a vincoli OLONOMI ( nel caso in cui le equazioni di vincolo a cui sottostanno sono integrabili);
- ricondotti a vincoli NON OLONOMI ( nel caso in cui le equazioni di vincolo a cui sottostanno non sono integrabili);

allora dopo questo mio dilungamento in chiacchiere ( spero di no !!) mi pongo e vi pongo questa domanda :
1)la reazione vincolare esplicitata da uno smorzatore di una sospensione deve essere considerata come una reazione derivante da un vincolo di natura OLONOMO o NON OLONOMO????

2) quale deve essere l'espressione analitica caratteristica nel caso di vincolo NON OLONOMO ( un esempio), ho basta semplicemente che questi non debba essere integrabile??

aspetto qualche risposta
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
ddefalco
Admin
avatar

Numero di messaggi : 171
Località : Napoli
Corso di appartenenza : Meccanica Applicata alle Macchine
NomeCognome : Domenico de Falco
Data d'iscrizione : 29.12.08

MessaggioOggetto: Re: equazioni di vincolo   Ven Feb 27, 2009 10:40 pm

Non capisco tutta la descrizione che ha cercato di fare: basta leggere gli appunti per vedere cosa sono i vincoli di un certo modello di un sistema e in cosa si differenziano quelli olonomi da quelli non-olonomi.

E, purtroppo, le cose stanno ben diversamente da quello che sta dicendo. Credo abbia bisogno di chiarirsi meglio le idee su cosa sono i vincoli di un sistema perché la domanda sul fatto che la reazione di uno smorzatore sia un vincolo e perdippiù olonomo o non olonomo non ha senso... ma per quale sistema ?

Insomma definito il modello di un sistema mediante un certo spazio di configurazione ogni relazione tra le coordinate e/o le loro derivate è un vincolo per quel modello ovvero definisce un sottospazio di posizioni possibili del sistema nello spazio di configurazione... e così via.

Riguardo un esempio di vincolo non olonomo, ne sono stati proposti diversi durante il corso e sono riportati anche negli appunti...
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: equazioni di vincolo   

Tornare in alto Andare in basso
 
equazioni di vincolo
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ddefalco :: CORSI :: Dinamica e Controllo di Sistemi Meccanici-
Andare verso: