ddefalco
Questo è un forum di discussione e non un sistema di messaggistica, in particolare con me.
Ciò vuol dire che ognuno che vi partecipa contribuisce alla discussione di un argomento (topic) cercando di risolvere i problemi che si pongono, con un intervento (post) che viene messo a disposizione di tutti: va pertanto inteso come un dibattito tra tutti nel quale gli interventi (e non le persone), hanno lo stesso peso.
Certamente non è una comunicazione ‘peer to peer’ con me (per fare questo esiste il ricevimento in stanza, l’email, la chat…) né tantomeno dev’essere un’esibizione del proprio sapere o non sapere (esame).

Pertanto bandiamo frasi del tipo “Ci scusiamo per eventuali errori”, “accettiamo consigli per eventuali correzioni”, peggio ancora “domanda per il professore”, …, e pensiamo sempre al “sodo”.
Concediamo alla forma, tutt’al più qualche volta, un saluto.
Domenico de Falco.

ddefalco

ING - IND 13 : DDEFALCO's Forum
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista utentiGruppiRegistrarsiAccedi
Ultimi argomenti
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata

Condividere | 
 

 PROVA D'ESAME 2010

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
pas182



Numero di messaggi : 4
Corso di appartenenza : Meccanica Applicata alle Macchine
NomeCognome : Pasquale Iodice
Data d'iscrizione : 22.03.11

MessaggioOggetto: PROVA D'ESAME 2010   Gio Giu 16, 2011 12:30 pm



Ecco un altra prova d'esame degli anni precedenti che ho provato a risolvere...

Rappresentazione del meccanismo nella configurazione in cui teta2 = - 45 (in rosso) :





Analisi di velocità ed accelerazione :



http://i22.servimg.com/u/f22/16/52/28/69/accele11.png

Verificare se O1ABO2 è un quadrilatero di grashof ed, in tal caso, se O1A e O2B sono, rispettivamente , manovella o bilanciere :

per verificare se il quadrilatero è di Grashof si deve avere che Lmin + Lmax < L3 + L4. Nel nostro caso 200 + 900 < 700 + 500 , quindi il quadrilatero è di grashof e dall'analisi di posizione si vede che r2 ed r4 sono due bilancieri in quanto possono compiere archi inferiori a 360 gradi.

P.S. non sono convinto sull'analisi grafica delle velocità e accelerazione. Se qualcuno ha qualche consiglio e vuole effettuare correzioni, è ben accetto.


Ultima modifica di pas182 il Gio Giu 16, 2011 3:45 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
nicola.d.angelo91



Numero di messaggi : 28
Corso di appartenenza : Dinamica e Controllo dei Sistemi Meccanici
NomeCognome : Nicola D'Angelo
Data d'iscrizione : 28.03.11

MessaggioOggetto: Re: PROVA D'ESAME 2010   Gio Giu 16, 2011 12:43 pm

Ciao Pasquale, l'esercizio da te proposto è già stato trattato nel topic "diagramma posizione" da me e nunzio mansi con relativi diagrammi di posizione, velocità e accelerazione. Puoi confrontare i tuoi diagrammi con i nostri e poi potremmo discuterne Wink

Nicola D'Angelo
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
ciro d'agostino



Numero di messaggi : 2
Corso di appartenenza : Meccanica Applicata alle Macchine
NomeCognome : Ciro D'agostino
Data d'iscrizione : 08.04.13

MessaggioOggetto: Re: PROVA D'ESAME 2010   Mar Mag 07, 2013 2:59 pm

ragazzi ho provato a fare l'esercizio da voi proposto e ho verificato che il quadrilatero di grashof è a manovella bilanciere e non a doppio bilanciere poichè il lato O1A può percorrere archi di 360°
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Pietro92



Numero di messaggi : 2
Corso di appartenenza : Meccanica Applicata alle Macchine
NomeCognome : Pietro Gaglione
Data d'iscrizione : 28.05.13

MessaggioOggetto: Re: PROVA D'ESAME 2010   Mar Mag 28, 2013 7:59 pm

Salve, provo anche io a dare il mio contributo riguardo il diagramma delle accelerazioni per questo meccanismo. inoltre, come suggeritomi dal Professore, darò anche una spiegazione di quanto costruito.



Innanzitutto ho usato, come si vede, diversi colori (sperando la cosa sia più chiara) e ho indicato le componenti centripeta e tangenziale con gli apici T e C. successivamente ho fissato come punti di riferimento O1, O2 ed E e ho, quindi, costruito il diagramma.

Il primo passo è stato quello di tracciare l'accelerazione di A che, essendo la velocità angolare del link O1A costante, avrà solo componente centripeta e l'ho quindi identificata immediatamente. fatto ciò ho valutato le componenti dell'accelerazione di B rispetto ad O2 (in blu) e di B rispetto ad A, utilizzando semplicemente la seconda proprietà dei moti rigidi (n.b. dal disegno non si nota ma la componente centripeta dell'accelerazione di B rispetto ad O2 e l'accelerazione assoluta di A NON coincidono). quindi l'accelerazione assoluta di B è stata trovata come "chiusura" delle varie componenti.

Il ragionamento è stato iterato per tutti gli altri elementi sostanzialmente e ricordando che mentre delle componenti centripete conosco modulo, direzione e verso, di quelle tangenziali solo la direzione.

Spero di essere stato chiaro e che venga corretto eventualmente dal Professore per eventuali imprecisioni nel disegno o nella spiegazione.

Unico dubbio e per questo mi rivolgo al Professore: la posizione del meccanismo corretta è questa oppure quella nella discussione "diagramma di posizione"?
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: PROVA D'ESAME 2010   

Tornare in alto Andare in basso
 
PROVA D'ESAME 2010
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» [MEGATHREAD] Consumi 1.3 MultiJet 75cv
» Dreams Road 2010
» Mitsubishi PX-MIEV 2010-2011
» prova luci
» neve 2010!!!

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ddefalco :: CORSI :: Meccanica Applicata alle Macchine-
Andare verso: